Storia

..."La mia è una storia di fede, di sogni, ma anche di incertezze, soddisfazioni, delusioni, di ritorni al passato per avvalorarne il futuro, che esista e si estenda in tenebra e luce.

...Amo la luce e la nascondo nell'ombra per un mistero di contrasti, che mi giuoca dentro.

L'usignolo ha cantato
1990-olio su tela- cm.122x105

Mi lascio trasportare in epifanie di colori, che dal verde passano al rosso, al'azzurro, al bianco. Il bianco è l'espansione estrema, che libera gli spazi....

La dilatazione della luce e dell'ombra e mentalmente infinita. I segni, che incidono la superficie, sono brevi e staccati, come la nostra esistenza, una brevità ansiosa di un paradiso immaginato. Tenerezze spente. Melanconie: desiderio struggente di un ritorno alle origini: impossibile. Voracità dell'immenso: vorrei fisicizzare l'invisibile su una superficie che non abbia fine e metterci dentro tutto cio che sei stato e che sei, un corpuscolo espanso, una scheggia nell'universale silenzio...".

...."Mi affido al tempo che ha una sua aura lenta eppure fugace come un dondolio d'infanzia, un dondolio d'origine a cui vorresti ritornare per rifarti un cammino nuovo, nel certo e nell'incerto e nella luce dell'ombra; nel suono, nell'eco che si espande e accende il cuore. Il cuore dell'universo? Il cuore della materia vivida e calda? Il cuore delle trasparenze, degli specchi, luminosi ai cui affacciarti per una rinascita continua nella vita, nel mondo. Il mondo del silenzio ove l'invisibile diventa visibile....